Condotto uno studio che rivela dati incredibili. Ogni millimetro di incrostazione calcarea riduce di oltre 10 punti percentuali l'efficienza complessiva dei nostri impianti domestici. L'efficienza energetica passa anche dall'acqua Si sta assistendo ad un crescente interesse dei consumatori nei confronti di prodotti e tecnologie che consentano un efficace risparmio energetico. Anche la qualità dell'acqua che circola nelle nostre tubazioni influisce fortemente sull'impronta energetica di casa nostra. L'acqua di casa, infatti, attraversa tubature, valvole e subisce processi di riscaldamento nei boiler e nelle caldaie dove spesso si hanno fenomeni di incrostazioni riconducibili al calcare.


ATTENZIONE! Lo strato di incrostazioni, contenente carbonati di calcio e magnesio, riduce notevolmente lo scambio termico e il rendimento complessivo degli impianti come, ad esempio, le caldaie. Per capire quanto possa incidere un' impianto incrostato sul consumo energetico è stata fatta una prova di efficienza termica che ha evidenziato come un solo millimetro di incrostazione calcarea riduca di quasi il 18% il rendimento termico del corpo scaldante.

Esperimento:
Sono stati presi in esame due boiler identici da 45 litri cad. con durezza dell'acqua di 38 gradi F; uno alimentato con acqua additivata con polifosfati e l'altro no. E' stata sviluppata una serie di cicli di start/stop dell'impianto per ben 120 giorni simulando le reali condizioni di utilizzo della caldaia per una famiglia di 4 persone, che consuma mediamente 240 litri di acqua calda al giorno. Al termine dell'esperimento è stata evidenziata una riduzione dell'efficienza pari a circa il 20% rispetto alle condizioni iniziali nel boiler funzionante con acqua priva di condizionante a base di polifosfato: nel secondo caso la riduzione si e' attestata attorno al 2%. Una perdita di efficacia del 20% si traduce in un notevole aumento di combustibile per poter ricreare il calore che si otteneva nella fase iniziale che si traduce inesorabilmente in aggravio dei costi d'esercizio della caldaia. Quantificando, si può affermare che in un anno una famiglia che utilizza un piccolo dosatore di polifosfati potrebbe risparmiare alcune centinaia di euro rispetto a chi, avendo un'acqua particolarmente ricca di calcare, non adotti il medesimo, semplice, stratagemma. Come sempre...se si intende acquistare un apparecchio per il trattamento dell'acqua si raccomanda di rivolgersi solo ad esperti del settore e ad aziende note che siano in grado di installare e di manutenere correttamente i vostri impianti.

Fonte: Aqua Italia